L’amore è il grembo del Creato

 
 

L'amore è l'unico sole

che non conosce 

il tramonto

 

Mi chiedi perché sorrido

mentre guardo il tramonto?

Se fossi San Francesco, ti risponderei:

“Sorrido perché Dio mi ha fatto dono

degli occhi.”

 

Disse:

“Se di giorno costruirete perle

 al tramonto non troverete che collane. 

 

La vita senza amore  

è come un’onda che rinnega il mare. 

 


    Che meraviglia...

   di giorno mi nutro col sole,

   la notte con la luna e le stelle.

 

 

L'AMORE SOTTO L'ALBERO DEL TIGLIO  IUBIND LA UMBRA TEIULUI

Disse un saggio:

“Se incontri qualcuno

che tu non conosci,

dà ugualmente buongiorno…

se ti saluta qualcuno

che tu non conosci,

rispondi con gioia,

come se fosse un amico…

se incontri un vecchio

che ha bisogno di una mano,

corri da lui…

se vedi un bambino

che ha sete di speranza

racconta del Piccolo principe…

se hai bisogno di non stare più solo,

diventa il tuo amico.”

 

Dă ziua bună

chiar dacă vei întâlni un om

pe care nu-l cunoşti...

dacă un necunoscut te salută,

răspunde-i cu bucurie,

ca unui prieten...

dacă întâlneşti un bătrân

ce are nevoie de o mână de ajutor,

fugi repede la el...

dacă vezi un copil

ce caută un strop de speranţă,

povesteşte-i despre Micul Prinţ...

iar dacă simţi nevoia să nu mai fi singur,

fă-ţi din tine însuţi un prieten.

Come un nomade,

per anni ho percorso

i sentieri del mondo

cercando Dio…

poi un giorno,

quando ormai avevo perso

ogni speranza,

mentre aiutavo un vecchio

ad attraversare la strada,

mi accorsi che Lui era lì,

nel gesto delle mani.

 

Tot căutându-l pe Domnul,

ca un nomad

am străbătut

cărările lumii

ca, într-o zi,

când pierdusem

orice nădejde,

ajutând un bătrân

să traverseze strada,

să-mi dau seama ca El e acolo,

în gestul mâinilor.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per il mio compleanno mi sono fatto per regalo questa poesia 

che vorrei condividere con tutti voi.

AI MIEI 85 ANNI

Ho fatto tutto pe’ diventà vecchio,

pe’ mejo conservà sta vita mia,
ma, quanno che me guardo ne lo specchio,
la tristezza me se porta via.

Certo che a vedemme nun so’ bello,
ma vojo fà capì ar cervello mio
che la vecchiaia logora er modello,
ma infonno, dentro, ce sto sempre io.

Je devo fa capì, un po’ pe’ vorta,
che la vita è veramente brutta
sortanto quanno che finisce corta.

De sta vita me so’ innamorato 
come ’n sogno su ’n arbero de frutto,
ringrazianno er giorno che so’ nato.  

 

   
STA MALATTIA (Corona virus)

Santo Dio... ar monno che macello...
ogni attimo de vita c’è ’no strillo,
ce fosse un giorno rimasto bello,
’n fiocco de speranza, ’no stornello.

Er farmaco, ortre la mascherina,
è soprattutto ’nun usci de casa’,
e, quanno che esci a fa la spesa,
sortanto ’n ombra te pò stà vicina. 

Sta malattia peggio de un rastrello
strappa, ammazza tutto quer che trova
buttanno via le chiavi der cancello.

Cercamo tutti de volesse bene,
co’ ’n po’ d’amore superà sta prova
portannose du’ stelle ne le vene.

 

VOLESSE BENE
Cercamo da esse un po’ umani,
volesse bene indora la vita,
nun lasciamo sparì tanti domani
senza guarisse manco ’na ferita.

’R valore de la vita nun cià età,
nonni, genitori e regazzini,
ognuno cià ’r diritto de campà
giocanno co li palloni e trenini.

Pensamo de aiutà st’umanità,
pulimo er monno de ogni malattia,
damo ’na mano a madre libertà.

Gente, cercamo de volesse bene,
l’onestà e l’amore so’ la vita, 
famo sparì dar core tante pene.

ROMA (Ai tempi di Coronavirus)

Roma, sento piagne le funtane
perché tu sei rimasta troppo sola,
le monetine stano più lontane,
e quarche sogno più nun vola.

Le strade, amiche de le carozzelle,
nun sentono li passi de quarcuno,
dicono che beate so’ le stelle,
perché nu le pò smorza nissuno .

Er menestrello d’ogni tua bellezza,
innammorato de le tue canzoni,
fa diventà poesia ogni carezza.

Sei proprio ’na bellezza ner creato,
in ogni core sveji le passioni,
fai ringrazia Dio a chi c’è nato.